buzzoole code

domenica 1 novembre 2015

il sapore dell'infanzia:le Galatine


Sapori ed odori hanno un forte potere evocativo...
e senza dubbio all'infanzia associamo tutti quello del LATTE.



Ma il profumo ed il sapore del latte vanno anche oltre i primissimi anni.
Quando andavo all'asilo e alle elementari, tappa fissa era passare con la nonna dalla drogheria vicino a casa per comprare un po' di zucchero e qualche caramella.
Ne uscivamo sempre con un sacchetto di carta con dentro i brutti ma buoni, le gocce di menta per il nonno e le Galatine per me.

Una dolcezza sana, una permessible candy fatta all'80% di latte, che genitori e nonni ci concedevano facilmente..." Il latte fa crescere!", dicevo.

Ingredienti buoni e semplici: zucchero, miele e yogurt rendono questa tavoletta lattea appetibile a tutti, proprio a tutti essendo Senza Glutine.

Negli anni le Galatine pur rimanendo le stesse si sono sapute rinnovare e al classico gusto latte si è affiancato quello fragola.Le caramelle si sono trasformate in una coccola ancora più dolce e rosa, con aromi naturali e prive di coloranti artificiali.


Oltre al classico formato nella busta ora possiamo trovare i mini pack e lo stick con ogni singola Galatina incartata per mantenerne inalterata la freschezza. Ottimi da tenere sempre in borsa o da infilare di nascosto nella cartella e nella borsa dello sport dei bambini.

Non vi ho ancora convinto? Non credo! Ma nel caso potete fare un giro nella loro pagina ufficiale

Buzzoole

giovedì 29 ottobre 2015

Hit parade di Halloween


Ecco le nostre canzoni preferite per Halloween!
Semplici, divertenti e tutte da ballare e mimare!!

1.I wanna be scarry


2.The Halloween bus


3.Trick or Treating


4.Five little spooky ghosts


5.If yuo're a kid (halloween remix)













domenica 25 ottobre 2015

Sofia la principessa e l'album dei ricordi in figurine


Ogni bambina, anche la più "maschiaccio" come la mia, è una principessa dentro.




Ormai gli album per le figurine sono diventati di casa, e con l'avvicinarsi  della stagione fredda diventano un tranquillo intrattenimento per le domeniche mattina in pigiama. E perchè non fare diventare i pacchetti di figurine un premio per un bel voto a scuola?



E' così che il nuovo album della Principessa Sofia è arrivato in casa nostra, come premio per una verifica di matematica di Matilde.

Ma poi gli Album Panini sono talmente belli che non necessitano di troppe scuse per essere comprati.

L'album di Sofia si presenta come un album dei ricordi in foto.
Troviamo infatti tutti gli amici di Sofia e le principesse Disney pronte ad aiutarla e a svelarle i veri segreti per diventare una principessa.
Per Matilde è diventato subito il ricordo degli episodi visti e delle fiabe Disney delle principesse

Le figurine sono degne di una principessa, "preziose": argentate con cuoricini iridescenti o di raso glitterato, tonde come preziosi cameo.


Anche la carta su cui è stampato è particolare, è stata infatti scelta la carta uso mano per permettere di personalizzarlo con scritte e disegni.

All'interno dell'album si trova anche un poster che potrete attaccare in cameretta!


sabato 26 settembre 2015

Giochiamo a travestirci con Masha e Orso

Giochi con me Orso! Giochi con me Orso! Giochi con me Orso! 
Dai giochiamo a travestirci!

Chi non riconoscerebbe al volo l'irresistibile vocina di Masha?
Masha e Orso hanno catturato grandi e piccini, qui in casa quando ci sono loro in televisione non vola una mosca e i bambini corrono a chiamarci per vederli insieme sul divano.


Appena uscito in edicola l'album di figurine Masha e Orso Momenti Magici non ce lo siamo lasciati sfuggire.
Questa è la seconda esperienza per Matilde ed Alessandro con un album di figurine, ma la prima volta l'album era troppo grande da completare e dopo un po' avevano perso interesse.
L'album di Masha è grande il giusto per mantenere viva la loro attenzione (192 figurine), in più adesso Matilde sa leggere e si diverte a leggere le storie al fratello non appena ne completa una.


All'interno dei pacchetti di figurine ne troverete una metallizzata con un codice sul retro che permette di scaricare sulla piattaforma www.chili.tv. un episodio di Masha e Orso che potrete comodamente vedere su PC, Tablet, smartphone... insomma un'ancora di salvezza sempre con voi!



Tema dell'album sono i travestimenti, dalle pagine spuntano Masha pagliaccio, tennista , chitarrista, cuoca...
Come insegnante so che il gioco dei travestimenti è uno dei preferiti dei bambini, nelle scuole dell'infanzia e negli asili nido non manca mai un angolo dedicato, ma spesso a casa dedichiamo poco tempo a questo gioco.
In realtà non richiede molto impegno, possiamo tranquillamente utilizzare ciò che abbiamo in casa.

Quello che non dovrebbe mancare nell'angolo travestimenti casalingo è:

  • camicia di papà
  • grembiule da cucina + guanto da forno
  • foulard o pareo
  • cravatta già annodata
  • scarpe col tacco
  • collane e bracciali
  • cappelli
  • vecchi vestiti di carnevale
  • specchio dove i bambini riescano a vedersi
E poi ovviamente potete farvi ispirare dalle figurine!







domenica 6 settembre 2015

La cameretta colorata

Se mi trovassi a fare il test "dimmi di che colore hai la cameretta e ti dirò chi sei..." sarebbe una catastrofe.
Essere nata negli anni  '70 non può non creare dei problemi coi colori, un'epoca in cui l'abbinamento più chic era accostare l'arancione, il giallo ed il marrone... ti fa rimpiangere di non essere daltonico.

La mia prima cameretta è stata in legno laccato bianco, un classico intramontabile...e che problema c'è vi direte...Il problema era LA TAPEZZERIA: un tripudio di fiori dall'azzurro carta da zucchero, al viola, passando per il blu notte su fondo NERO. Se li fissavi attentamente riuscivi anche a vederci delle facce nei fiori. Insomma una carta da parati perfetta per il dottor Rorschach... ma non tanto per una bambina.

Con l'arrivo di mia sorella sono passata in mansarda, in una camera nuova fiammante... nel vero senso della parola, il colore dominante era il ROSSO CERALACCA.
Bellissima ma non certo il colore ideale per favorire il sonno ed il relax.
Maty nella mia cameretta
Il risultato del test sarebbe sicuramente emo-punk-ferrarista.

Mai e poi mai avrei fatto questi errori cromatici.

In attesa di Matilde  ho voluto dipingere la sua cameretta di GIALLO CHIARO, un colore neutro che favorisce il relax ma che al tempo stesso trasmette calore.
La cameretta era minimalista: un armadio in legno naturale abbellito con stickers, lettino e fasciatoio.

Dopo neanche un anno e mezzo ecco arrivare Alessandro e dover rivoluzionare la cameretta per due.
Lettino per Ale e passaggio di Matilde nel letto da una piazza, scelto molto basso per evitare possibili cadute.
cameretta di Maty e Ale

La cameretta poi è cresciuta con loro e da caldo e morbido nido è diventata regno di giochi e scoperte. E solo una cameretta ricca di colore poteva essere all'altezza dei miei due terremoti.
Dovendo dividere una cameretta maschio e femmina le scelte cromatiche diventano un po' limitate, o ci sta sui colori neutri o ci si deve buttare sui colori azzurrino, verdino, giallino...
Le pareti si sono tinte di AZZURRO CIELO e qualche gonfia nuvoletta bianca, mentre gli accessori sono VERDE ACIDO e BIANCO.
In più abbiamo deciso di sfruttare una colonna sporgente trasformandola in lavagna con l'apposita pittura.
Una stanza rilassante come immergersi nella natura, ma che allo stesso tempo riesce a trasmettere energia.

Questi accostamenti li ho fatti in modo casuale, ma dietro alla scelta dei colori c'è una vera è propria psicologia e sapere le sensazioni e le emozioni legate ad un determinato colore può essere di aiuto nella scelta del colore della camera da letto.

Di sicuro i miei figli passeranno il test "dimmi di che colore hai la cameretta e ti dirò chi sei..." e i vostri?





martedì 28 luglio 2015

... e poi un giorno la fortuna arriva, ti prende e ti porta via!

Perchè diciamocelo  la sfiga sarà pure cieca, ma quando ti trova ti si attacca addosso come una cozza.

E la signora dalla luna nera si era stabilita da noi da un bel po'. Gli ultima 4 anni sono stati un' escalation di "peggio così non potrà mai andare" puntualmente smentiti.
Non vi annoio con la lista delle disgrazie ma vi riassumo il finale.

Marito in cassaintegrazione, io ultimi mesi di lavoro senza stipendio con contratto che non mi verrà rinnovato perchè la scuola ha problemi, disoccupazione che non si sa quando arriverà (è in vigore daa maggio ma il software per calcolarla è arrivato solo il 15 luglio).
Si sa che con le scuole si saprà qualcosa solo a settembre ( e quest'anno sarà ancor più incerto) , ma inizio a portare in giro curriculum.
Poi un pomeriggio mi metto per due ore buone a mandare curriculum, un po' rispondendo ad annunci un po' a scuole cercate su google.
I primi che mando sono senza foto, poi trovo un annuncio che richiede espressamente una foto. Cerco tra quelle che ho nel portatile e alla fine opto per questa


Dopo neanche due ore ho una risposta da una scuola di Pavia che mi dice sta cercando un'insegnante proprio in quei giorni e mi fissa un colloquio. 
Attimi di smarrimento... ma avevo risposto ad un annuncio... o l'avevo contattata io????

Controllo tra le mail inviate, l'avevo mandata io. Cerco info su che scuola sia, una parificata bilingue sull'esterno di Pavia, comodo da raggiungere, in una via dove ci sono locali che frequento... ma non mi ricordo proprio di avere mai visto quella scuola.

Il giorno del colloquio infatti percorro la via ben 3 volte, poi decido di abbandonare la macchina e cercarla a piedi col navigatore del cellulare. Alla fine dalla strada non si vedeva, e non c'era nemmeno un cartello che la indicasse all'interno di un cortile. Un po' inizio a preoccuparmi "ma dove sono finita?"

Poi entro e l'ambiente è invece molto curato, foto alle pareti dei bambini graduated con toga e tocco come all'estero.
Il colloqui inizia ...."come conosce la nostra scuola?"
"Ehmmm, veramente non sapevo nemmeno esistesse, ho mandato curriculum a pioggia... poi dalla strada non vi vedete, non c'è nemmeno un cartello... ho posteggiato al Brico e sono arrivata a piede col navigatore". Poi ho acceso il cervello o apprezzano la mia sincerità o mi sono già giocata tutto.

In realtà il colloquio va bene, parlo con la direttrice, la vice ed il gestore della scuola. Mi manderanno i POF della scuola via mail da visionare e poi fisseremo un altro incontro per la settimana successiva.
Esco con la certezza che quella sia la scuola più bella del mondo, essendo bilingue in italiano ci sono solo italiano e matematica, classi di 10-18 bambini, inizio lezioni al mattino 8,45. E poi mi sembra di essere andata bene al colloquio...

.... la settimana successiva passa... silanzio assoluto...

E non vuoi fare quella apprensiva che li chiama già al lunedì mattina, ma arrivata a venerdì ti convinci che forse al colloquio non sei andata così bene e che essendo un NO si sono dileguati.

Poi si fanno vivi martedì e... sì tu hai fatto la figura di quella ansioso/apprensiva.

Mi fissano un altro colloquio e una prova con le insegnati ed i bambini della summer school per giovedì. Anche qui va bene direi. 
Parlo con la direttrice, mi dice che siamo rimaste in due e l'altra farà la prova lunedì, poi ci faranno sapere, i tempi si sono allungati rispetto al previsto, ma io parto sabato.
Allora rimaniamo "allora se ne deve riparlare ai primi di settembre" ...  che poi diventa: "Ma lei ci tiene veramente a lavorare qui?"

E cerca di contattare il gestore e vedere se riesce a organizzare il tutto per il venerdì, mi farà sapere via mail, nel primo pomeriggio di venerdì, quindi niente attacco d'ansia di mattina.

Poi invece in serata arriva una telefonata "...è inutile che ci giriamo in giro la voglio in organico..." e ancora non ci credi, forse un'interferenza sulla linea ti ha fatto capire male.... meglio aspettare l'incontro di domani, non si sa mai ...

E venerdì ti mettono la proposta davanti e senti quello che non credevi nemmeno di sentire mai, lo senti come al rallentatore, ma poi ti sembra sia stato troppo veloce che pensi DEVO aver capito male...

"...e le dirò di più, dato che due figli li ha già, le offriamo subito il tempo indeterminato...."

E poi pensi "... e se non avessi messo quella foto...."



martedì 14 luglio 2015

Karcher: un valido aiuto nelle pulizie

Una casa con uno spazio esterno è indubbio un enorme vantaggio nella bella stagione, soprattutto se si hanno dei bambini.
Ma appena arriva l'autunno, le foglie, l'umido... ecco che si trasforma nell'abbandonata terra di nessuno. 
Fino alle temute pulizie di primavera.


E dopo ore di canna dell'acqua, mocio e taaaanto olio di gomito, il maritino si è convinto a rivolgersi ai professionisti per ottenere un Miglior Risultato nel minor tempo, velocità ed efficienza.
Un rapido giro sul sito Karcher e facilmente abbiamo trovato l'idropulitrice che faceva per noi.
La scelta è davvero vasta dai modelli K2 "per principianti" ai K7 i top della gamma e delle prestazioni.

Dalla K4 in su sono idropulitrici dotate di motore ad induzione con raffreddamento ad acqua (UPS). I vantaggi sono efficienza (risparmio energetico del 50%), resistenza (incremento durata di vita del motore), leggerezza (11% riduzione peso) e silenziosità.Tutte le idropulitrici K 4-5-7 hanno un'etichetta creata e approvata dal Fraunhofer Institute, istituto di Ingegneria e Automazione che è la “Certificazione di Efficienza”.

Nella nostra scelta ci siamo fatti guidare dall'utilizzo che ne avremmo fatto, oltre allo spazio esterno infatti l'idropulitrice può essere utilizzata per lavare la macchina.

Ma non abbiamo potuto non tenete conto nella scelta del modello dell'imperdibile promozione Karcher ti rimborsa l'IVA
Sull'acquisto di alcuni prodotti, dal 15/05 al 15/07, leggi il regolamento completo sul sito

Qual'è il vostro modello ideale?


Buzzoole




venerdì 10 luglio 2015

Msc Crociere: fuga invernale negli Emirati

A dover trovare una cosa del mio lavoro che non mi piace è il non poter fare la vacanze invernali.
Io ho ferie durante la chiusura delle scuole, il periodo più caro e quello in cui mio marito non ha la possibilità prendere una settimana intera.

Ma sognare non costa nulla... e questa è proprio una crociera da sogno.

MSC Crociere, compagnia leader nel mercato delle crociere nel Mediterraneo, offre ai suoi clienti una vasta gamma di itinerari: dal Nord Europa, alle Isole Canarie e Marocco, Caraibi e Antille, Sud America, Oceano Indiano, Africa occidentale e meridionale, Dubai, gli Emirati e Oman.

E proprio il favoloso itinerario ad Abu Dhabi, Dubai e Oman si propone di unire al relax di una nave ricca di ogni comfort al lato misterioso ed avventuroso sul percorso dei Beduini, esplorando le dune del deserto o perdendosi nei labirintici bazar

Spesso si è spaventati nello scegliere come tipo di vacanza una crociera per paura il costo della vacanza "lieviti" per gli "extra" a bordo.
Msc è attenta ai propri clienti  e ha pensato al  pacchetto bevande incluso, scegliete fra un’ampia gamma di voli operati da due delle più qualificate compagnie aeree,Etihad ed Emirates
Raggiungiete comodamente i due porti di imbarco: Dubai e, novità di quest’anno,Abu Dhabi**, così da poter vivere molte ore alla scoperta di Dubai, la perla degli Emirati.
E se prenotate subito, un pacchetto bevande ALL INCLUSIVE compresso nella tariffa.

**Per l'imbarco ad Abu Dhabi è previsto anche il volo da/per Venezia.

Buzzoole




La mia mamma racconta la mia nonna






Della mia nonna vi avevo già parlato qui.
E' passato un anno dalla sua scomparsa e adesso voglio presentarvela attraverso gli occhi di mia mamma e la sua macchina fotografica.

Il servizio è pubblicato su LudesanLife n°14

giovedì 25 giugno 2015

Geberit Monolith per un bagno da sogno

Quando si costruisce, compra o arreda una casa, la stanza a cui si dedicano minor tempo e attenzione è il bagno. Quando poi ci vivi dentro scopri che è la stanza più vissuta e importante.
Se potessi raderei al suolo il mio e lo rifarei da capo.
Per prima cosa eliminerei i  sanitari di capitolato con la cassetta interna : troppo maltrattata dai miei figli ha già richiesto due interventi dell'idraulico per sostituire il sistema galleggiante e innumerevoli sistemazioni casalinghe per perdite e gocciolii.

Al posto del "trono" (come lo chiama mio marito) ci sarebbe lui Monolith della Geberit :  una soluzione intermedia tra la cassetta esterna e la cassetta da incasso. Un elegante modulo in vetro e alluminio spazzolato racchiude tutta la tecnologia sanitaria e funge da supporto per il WC in ceramica.
Ma se è la bellezza a colpire al primo sguardo a convincermi sono i pregi in più che offre.


  • Primo fra tutti non richiede lavori in muratura, è vero che ho parlato di radere al suolo il bagno, ma poterlo fare senza rompere un muro od un tubo, non è meglio?
  • Avete presente quando siete incinte e dovete fare plin plin ogni ora? appanzate da non vedervi i piedi, troppo assonnate per accendere la luce e la gamba del cesto della biancheria pronta a colpirvi sul mignolino? Ecco che Monolith è lì pronto a salvarvi! un LED si accende con il rilevatore di presenza, fornendo l'orientamento in modo discreto, Una luce non troppo forte da svegliarvi, ma sufficiente per farvi trovare la strada in tutta sicurezza.
  • Un solo bagno per 4 persone... e diciamocelo la pupù dei bambini sarà pure "santa" ma puzza comunque, soprattutto se avete la sFORTUNA di avere un figlio amante di broccoli, ceci e fagioli. Geberit Monolith arriva in aiuto invece della maschera anti-gas, una ventola silenziosa garantisce il giusto riciclo d'aria togliendo i cattivi odori.
  • E' eco, infatti ha ricevuto anche il massimo dei voti (classe A) dalla Water Efficiency Label (etichetta WELL di EUnited Valves).
Dite la verità, non ne vorreste uno anche voi??

Potete trovare tutti i modelli e le informazioni qui: http://bzle.eu/geberit-au

Buzzoole