buzzoole code

mercoledì 7 maggio 2014

Per la festa della mamma.... riprendiamoci i nostri diritti! parte 3°

3. Diritto a prendere possesso del bagno in meritata solitudine

Durante i 9 mesi di gravidanza tra una futura mamma ed il wc di casa nasce una tormentata storia di odio e amore.
Si passa dai primi mesi dove da novelli innamorati si sta sempre abbracciati, soprattutto al mattino, alle ripetute fuitine notturne per la vescica impaziente, per finire con rapporti burrascosi per colpa di stipsi ed emorroidi.
Poi come nei promessi sposi arriva il famigerato monito "questa relazione non sà da fare".
A comunicarcela non è una coppia di Bravi ma un piccolo fagottino urlante non appena spariamo dalla sua vista.
Ed è così che le interminabili mattine in simbiosi con la tazza del water si trasformano in docce fast and furious (scrub, lavaggio, capelli e balsamo) con tempi da far invidia a centometrista.

Dentro di noi ci ripetiamo che prima o poi crescerà o cresceranno.... ed effettivamente è così.
Ma...a quello che ci attende non si è mai preparati: la perdita alla privacy del bagno ovvero vivere la nostra love story col wc in pubblico col pubblico.



MAI più sole!
Non appena penserete di appollaiarvi sole solette sulla bianca tazza...
ecco magicamente comparire i nani di casa ( bambini ed animali al di sotto dei 50cm d'altezza) lì:  -semplicemente per fissarvi,
-perchè si sentono soli,
-per assicurarsi che la Mamma sia un essere umano e come tale abbia dellle impellenze fisiologiche,
-per porvi quesiti esistenziali: da dove sono nato, domani che giorno è, tu come ti chiami, c'è Peppa Pig? (ormai è dappertutto, perchè non in bagno con voi???),
-per mostrarvi il loro interesse verso la scienza, intonando il motivetto di Quark il giovane Piero Angela in antiscivolo vi mostrerà le ultime avventurose scoperte della speleologia nasale, nonchè la meraviglia delle meraviglie in natura: la vescica socialis, evolutasi poi nel chi non piscia in compagnia o è un ladro o è una spia
-"Ma però...." seguito da una qualsiasi azione reale o presunta fatta dal fratello A a quello B e viceversa, in assenza di fratelli dal bambino A all'animale B,

Le più ingenue potranno pensare MA CHIUDERSI A CHIAVE, NO?!

vi piace vincere facile!!!

E' proprio allora che ogni bambino/a si trasforma in iena battentis ed urlantis contro la porta, il piccolo MannyTuttofare che c'è in loro si scatenerà alla ricerca di qualsiasi oggetto atto a scardinare/sfondare la porta....

solitamente la mamma, essere rezionale ed econome, valuta il danno minore e anzichè pagare una nuova porta al falegname, impara ad estraniarsi dal problema......

avete presente le file interminabili ai bagni pubblici femminili??? vi siete mai chiesti il perchè???
5 minuti per fare la pipì DA SOLE!!!
Chissà quando ci ricapita!






3 commenti:

  1. Divertentissimo e verissimo! Fine della privacy, anzi morta, sepolta e dimenticata.

    RispondiElimina
  2. GIà, nemmeno io sono più andata in bagno da sola negli ultimi 3 anni e mezzo!!
    Però non ho ancora capito perché mio marito ci riesce...è meno interessante da guardare? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse e' perche' noi siamo piu'belle ;-)

      Elimina