buzzoole code

martedì 23 luglio 2013

E venne il giorno...

... più temuto da ogni madre di maschietto: IL RAGGIUNGIMENTO DELLA POSIZIONE ERETTA.

Se state pensando a quando stanno in piedi o camminano avete i figli ancora troppo piccoli e il vero pericolo non vi è passato ancora per l'anticamera del cervello.
Quello di cui sto parlando è quando iniziano a fare la pipì IN PIEDI.


Un bel giorno il vostro angelico bambino, di punto in bianco, senza che voi possiate far nulla per fermarlo, entrerà a far parte pieno titolo della categoria UOMINI e come tale sancirà il sacrosanto diritto di farla in piedi!.

A me è successo proprio l'altro giorno, Ale ( 4 anni il prossimo ottobre) è entrato in bagno mentre stavo facendo la doccia.
"Mamma devo fare pipì!! , poi si mette di fronte al water, abbassa pantaloni e boxerini...
"Amore, ma cosa stai facendo????"
"Faccio la pipì come papà: IN PIEDI!"

venerdì 19 luglio 2013

Per non dimenticarli

Ieri un'amica su Fb ha postato questo video, l'ho condiviso, l'ho guardato.
Non avrei voluto farlo, sapevo mi avrebbe fatto male, sapevo che non avrei trattenuto le lascrime, sapevo che un dolore sordo mi avrebbe preso lo stomaco e non lo avrebbe lasciato quando i 7 minuti del video sarebbero finiti.
Perchè allora guardarlo?
Per non dimenticare, questo è solo un video, ma queste cose accadono purtroppo.
Tragicamente accadono nella vita reale, nella vita delle persone che amano i loro bambini.
Perchè non riesco a pensare che questi genitori non amino alla follia i loro bambini, che non vivano per loro, ma....
Ma la routine, la fretta, la stanchezza, la solitudine, i problemi ci fagocitano e a volte si va in tilt.
Il cervello registra una cosa come fatta, perchè ogni giorno viene fatta, chiudere la porta, spegnere la luce, chiudere la macchina.... ma loro non sono una luce lasciata accesa, e la loro dimenticanza in auto, anche per poco tempo può essere fatale.
Non voglio incolparli, anche se quando si sente una notizia del genere , tutti pensiamo "come si fa?".
Quello fa più arrabbiare è che ci sarebbero soluzioni per evitarlo, un'allarme integrato al seggiolino che segnali la presenza del bambino, ma alle case produttrici di seggiolini non interessa.
Si producono aggeggi per la prima infanzia inutili ma fatti passare per indispensabili, e non si spende per un salvavita???

Perciò se avete un bambino vi chiedo di condividere questo video, di chiedere che siano installati questi dispositivi d'allarme. Perchè se non c'è richiesta non c'è mercato, per il mondo del commercio.
Allora l'unica cosa in nostro potere è fargli capire quanto questa richiesta ci stia a cuore.


mercoledì 17 luglio 2013

Adesso però glielo spiegate voi!

Sì sì, proprio voi cari signori della tv, cari pubblicitari ed preparatori dei palinsesti.
Adesso entrate in ogni casa degli italiani dotati di prole sotto i 10 anni a porgere le scuse o le dovute spiegazioni.

Tranquilli non è il caldo che mi sta dando alla testa o la rassicurante, confortante ed inebetente nullità estiva dei programmi televisivi...
E' solo che una mamma fa una dannata fatica a controllare i programmi televisivi che guardano i propri figli: cartoni animati non violenti, canali con poca pubblicità, niente tg, uno sgardo attento anche ai programmi col bollino verde in prima serata.
Cosa non facile dato che tette e culi sono ormai piazzati in ogni dove, tanto che spesso diventa più facile inserire un dvd.

La tv è lo specchio della nostra società... ma cosa sta rispecchiando oggi?
La crisi ovviamente, e dove sono in crisi gli italiani?
Al lavoro? negli acquisti? in famiglia?
Troppo semplice e poco televisivo.
Gli italiani sono in crisi sotto le lenzuola!
Sarà sicuramente vero, con tutti i pensieri che abbiamo: Imu, disoccupazione, debiti, precarietà, mutui, capire cos'è lo spread! roba da togliere il sonno, figuriamoci di fare faville sotto le lenzuola!!

Ma da saperlo a sbandierarlo sotto il naso di tutti, ce ne passa. e quando dico tutti, intendo anche i nostri dolci pargoletti.
Loro, così piccoli che non sanno nemmeno cosa sia una relazione sessuale sana e normale, si ritrovano a vedere la prestazione sessuale tra due cerini interrotta dal problema dell'eiaculazione precoce.
Chi ha pensato lo spot sicuramente non ha figli!
Perchè chiunque ne ha sa la grande potenza imitativa che hanno le piccole pesti, soprattutto per imitare le cose sbagliate... e che personaggi scelgono? i cerini! accesi su un letto... dei conigli era troppo banale???? nell'immaginario collettivo sono loro i più rapidi.
Se ti va bene ed hai un figlio peste lo avrai semplicemente indirizzato verso la piromania, ma sei hai un figlio curioso la domanda xxx è assicrata.
"Maaaammmaaaa, cosa vuol dire eiaculazione precoce?!"

...
....
....

manco sai cos'è quella normale e ti devo spiegare quella precoce??? O_o
No,cari pubblicitari ditemi voi cosa gli devo rispondere cinquenne e ad un quattrenne???
....
....
" E' un cerino difettoso che brucia troppo in fretta"
Ok per stavolta me la sono cavata ma cos'altro mi devo aspettare???

E voi ideatori dei palinsesti lo sapete che le scuole sono finite? e che i bambini sono a casa per pranzo?
Come vi ho già detto noi evitiamo il tg, ma pur essendo un brutto vizio, teniamo la televisione accesa.
Ultimo baluardo della nostra possibilità di controllo del telecomando e di divieto di vedere i cartoni.
Così ci muoviamo su quei canali Cielo o Real Time che offrono a ciclo continuo programmi di cucina, restyling di case, armadi e trucco e parrucco. Irripetibili torte colossali o case da sogno.
E a mezzogiorno mentre aspetti di trovarti immersa in "cucine da incubo" e finalmente poi definire la tua cucina "uno splendore" o sentir urlare Gordon Ramsey o Bastianich a cuochi più o meno professionisti... su un canale "sicuro" in un orario "sicuro" cosa trovi?

Sex therapy!
Terapisti esperti guidano le coppi a ritrovare l'affiatamento, la complicità e il pepe sotto le lenzuola.
Il tutto documentato da video ad infrarossi, termoscan, urletti goduriosi dei ripresi ed urletti gioiosi e compiaciuti dei commentatori.
Ma se normalmente lo trasmettete alle 23, cosa vi è passato per la testa di replicarlo alle 12????
Che anche solo facendo zapping mi ritrovo a dover spiegare che quelli sotto le lenzuola stanno giocando a nascondino!
Prepartevi che alla prossima domanda imbarazzante li mando da voi!
E non vi salverete con delle risposte banali!





sabato 13 luglio 2013

Mamma come sono nata? - Un sorriso sulla pancia

" Mamma, come sono nata?"
" Te ne stavi tutta raggomitolata nella mia pancia, seduta a gambe incrociate e con le braccia dieteo la testa, sembravi seduta su una sdraio. Eri al sicuro e al calduccio, ti piaceva proprio stare lì. Niente ti convinceva a metterti sulla via giusta, forse avevi paura di uscire.... lì era tutto così caldo e tranquillo...chissà cosa pennsavi ci fosse fuori. Così per non farti avere più paura sei nata da un SORRISO, un SORRISO SULLA MIA PANCIA"

questo è un dialogo che purtroppo accade molto raramente quando una donna racconta del proprio cesareo...