buzzoole code

giovedì 31 gennaio 2013

Liberiamo una ricetta: Ciambella alla ricotta

Ecco la ricetta che ho deciso di liberare, è la ricetta della torta che mi faceva mia mamma da piccola, per colazione e per portarla a scuola per merenda. Una fettona bella grossa, da dividere con le amichette e anche con la maestra.
Un dolce semplice, soffice come un abbraccio e dolce proprio come un bacio della mamma. 
Come vedrete dagli ingredienti è facile da memorizzare, infatti ce la siamo tramandate oralmente. a dire il vero su qualche foglio inserito in qualche libro di ricette o ricettari è stata scritta, ma il foglio è sempre svanito.
Questa ricetta è stata la mia prima volta in cucina, con qualche incidente di percorso e versioni un po' bruciacchiate, ha dato vita alla mia passione per i dolci.
Per anni non l'ho più preparata ma vista quest'iniziativa ho deciso di farla insieme ai bambini, rispolverando nella memoria la ricetta...



INGREDIENTI:
300 gr di farina 00
300 gr di ricotta
300 gr di zucchero ( per una versione light ma comunque dolce ne vanno bene anche 200)
3 uova
100 gr di burro ammorbidito
1 bustina di lievito per dolci

PREPARAZIONE RAPIDA:
Mettere tutti gli ingredienti nel robot da cucina, massima velocità, et voilà già fatto!

PREPARAZIONE CANONICA:
Separare i tuorli dagli albumi, montere questi ultimi a neve ben ferma.
In una terrina, o nel robot da cucina mettere i tuorli, lo zuccheto ed il burro montarli fino ad ottenere una crema uniforme. Aggiungere a poco a poco la ricotta e gli albumi a neve.
Incorporare la farina setacciata ed il lievito.

Mettete il composto in uno stampo per ciambelle precedentemete imburrato.

COTTURA: 
Preriscaldate il formo a 180° e cuocete per circa 30- 40 minuti. Il tempo varia in base alla grandezza della tortiera. Applicate il metodo dello stecchino per controllare la cottura.

Purtroppo è tornato a casa mio marito... e non sono riuscita a farle una foto "intatta".



"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia.Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web" 

Abbiatene cura!!!!

mercoledì 2 gennaio 2013

Crema di sapone per bucato in lavatrice - tutorial


Ho iniziato il nuovo anno cimentandoni con la preparazione del sapone per lavatrice fatto in casa, visto  di quello per la lavastoviglie sono felicissima!
La ricetta non poteva no provenire dalla Regina del Sapone , ma ho adattao un po' le dosi.

INGREDIENTI:
2 Panetti di sapone di Marsiglia vegetale per bucato da 250 gr.
60 gr di Bicarbonato di sodio
5 l d'acqua
olio essenziale di lavanda e tea tree

PREPARAZIONE:

1. Tagliare a piccoli pezzi i due panetti di sapone, volendo faticare un po' di più adesso per accorciare i tempi dopo... si possono grattuggiare con una grattuggia a maglie larghe.
Mettere l'acqua, il sapone ed il bicarbonato in un pentolone sul fuoc, scaldate portando a bollore mescolando con un cucchiaio di plastica, fino a che i pezzi di sapone sono completamente sciolti. Il tempo dipenderà da quanto sono piccoli i pezzi.
2. Una volta sciolto il sapone spegnete il fuoco, coprite la pentola con un coperchio e lasciate raffreddare per almeno 12 ore.

3.Freddo il sapone apparirà compatto, ma morbido, molto simile ad una pannacotta.
4. Ora il composto andrà rotto con un cucchiaio.
5. Con un mixer ad immersione frullare il composto  fino a renderlo una crema soffice.
6. La crema può essere conservata in un contenitore ermetico, ad esempio quello per le mozzarelle.

Per il lavaggio si utilzzano circa 120 ml di prodotto, con la pratica si impara a dosarne più o meno in base al livello di sporco, messi direttamente nel cestello del bucato in tappo dosatore ( si posso utilizzare quelli del detersivo, dei pretrattanti, o le palline dosatrici che qualche anno fa vendevano coi saponi liquidi).
Se si vuole "profumare" il bucato alla dose per il lavaggio si possono aggiungere 10 gocce di olio di lavanda, mentre come disinfettante 10 gocce di tea tree.
ATTENZIONE : Con questo tipo di sapone non bisogna utilizzare l'ammorbidente, ma va sostituito con dell'aceto bianco da mettere nella vaschetta nello scomparto dell'ammorbidente.

L'impegno richiesto nella preparazione è davvero poco e il rsparmio, oltre a non utilizzare prodotti chimici inquinano l'acqua, è anche nel portafoglio.
Un sapone per lavatrice costa circa 6-7 euro, l'ammontare del costo di quello fatto in casae di 2 euro! 

Et voilà.... il risultato finale!