buzzoole code

giovedì 14 aprile 2011

Sindrome... da parto addicted

E' una sindrome abbastanza comune, innoqua per chi ce l'ha... un po' meno per chi in quel momento è in dolce attesa.
Colpisce prevalentemente le donne donne che hanno partorito, ma si registrano casi in aumento che riguardano i padri che hanno assistito, e consiste nel raccontare con dovizia di particolari il proprio parto, soprattutto quelli trucolenti.
Nelle donne si nota sottolineatura tragica dell'evento , solo a lei è capitata una cosa simile, solo lei ha sofferto così, tutte le altre, anche se hanno partorito non possono capire o immaginare.
Nei padri invece prevale la loro figura salvifica, ostetrica e ginecologo erano inutili, solo lui nel momento clou è stato all'altezza dell'evento... pur essendo al momento colto da svenimento e disteso sul lettino dove dovrebbe partorire la moglie ( giuro che è successo!).
Nelle forme acute si associa anche a un lieve difetto di memoria: nel dubbio di aver dimenticato di raccontarlo all'amica X, si preferisce raccontarlo 2 o 3 volte, ovviamente aumentandone il pathos.
Come già detto ha effetti collaterali per chi è in visibile dolce attesa, pertanto si suggerisce di fingere una contrazione o la rottura delle acque appena si sentono le fatidiche parole: "IL MIO PARTO..."

Questo post partecipa al Blogstorming


Nessun commento:

Posta un commento