buzzoole code

martedì 23 marzo 2010

Mamma che ride



Il mio blog collabora a questa interessante iniziativa proposta da Huggies, in palio una fornitura di pannolini e la partecipazione alla realizzazione di uno spettacolo teatrale sulla maternità
ci sono 2 modalità

Se sei una mamma...
All’interno della sezione www.huggiesclub.it/mammacheridere guarda nella pagina “Collaborano con noi” i blog che partecipano all’iniziativa e scegli quello/i che preferisci.
Dal 18 marzo al 7 aprile, vai sul/i blog, cerca il post che riguarda l’iniziativa “Mamma che ridere” e
raccontaci un aneddoto divertente legato a uno dei temi che troverai postati. La tua storia può diventare
spunto per uno spettacolo comico che andrà in scena il prossimo maggio.
Quando scrivi il tuo aneddoto, ricordati di inserire anche un’indirizzo email a cui contattarti e la taglia di pannolini di cui avresti bisogno. Mentre lo scrivi sii previdente: tieni presente che potresti ricevere la fornitura entro un mese dalla data in cui hai scritto il post e si sa, i bimbi crescono in fretta!
Ogni settimana le autrici dei 15 aneddoti che troveremo più divertenti riceveranno in omaggio una fornitura di pannolini Huggies.
Se sarai selezionata per ricevere in regalo la fornitura di pannolini, ti contatteremo via email per
chiederti l’indirizzo fisico a cui spedirla. Mi raccomando, tieni d’occhio la casella di posta così poi
potremo spedirti il tutto nel più breve tempo possibile.

Se invece hai un blog...
Dal 18 marzo al 7 aprile compila il form che troverai all’interno della sezione www.huggiesclub.it/mammacheridere per chiedere di collaborare all’operazione. Riceverai via email il link alla pagina web contentente:
- il badge dell’iniziativa
- i temi da lanciare sul tuo blog per spingere le lettrici a partecipare
- e questo regolamento come promemoria della meccanica.
Se vieni selezionato come collaboratore, riceverai un’email di conferma e potrai trovare il nome del tuo blog inserito nella pagina “Collaborano con noi” del sito.
Attenzione: non accetteremo le richieste di collaborazione di blog i cui contenuti non siano ritenuti affini allo spirito dell’operazione.
Per ringraziarti della tua collaborazione, ti riserveremo 2 posti per lo spettacolo comico che si terrà a Milano la settimana del 24 maggio.
In più entro il 2 aprile selezioneremo 5 tra le blogger che si sono iscritte sul nostro sito per invitarle partecipare all’incontro con l’autore dello spettacolo e definirne insieme a noi i contenuti. Una di loro potresti essere tu, trasformandoti da semplice spettarice a co-autrice. Bello, no?
Non ti resta che postare i temi sul tuo blog e sollecitare i commenti delle tue lettrici. Segnalaci quelli più divertenti: una o più di loro potrebbe ricevere una fornitura omaggio di pannolini Huggies.


Ed ecco i temi che ho scelto per voi:
1. ESSERE MAMMA, CHE ANSIA!
Quando si è mamme per la prima volta la mancanza di esperienza ci porta a ingigantire ogni piccola difficoltà o ad essere molto più apprensive di quanto la situazione richiederebbe. Ad esempio? L’acquisto dell’occorrente per crescere un bebè: “una banalità”, pensi. Poi ti accorgi che il semplice acquisto di una passeggino – tra modelli ultraleggeri e trekking, chiusure a libro o a ombrello – può trasformarsi in un incubo. Oppure la prima volta che lasci il bebè a qualcun altro: passi tutto il tempo fuori casa immaginandoti il peggio, per poi scoprire, quando arrivi, che sta dormendo paciosamente da due ore… O ancora, quando vai in panico per una linea di febbre… Qualche scenario “apocalittico” da raccontare?

2. UN GIORNO COME TANTI ALTRI
Hai preparato tutto da settimane: sacca con tutti i ricambi, 2-3 libri sull’argomento, tecniche di respirazione. Insomma, sei prontissima… o no? Arrivano le contrazioni: “Saranno quelle giuste?”, pensi. Intanto tuo marito sviene e a guidare verso l’ospedale ci devi pensare tu. Ed è solo l’inizio…

3. IL BEBÈ: PAPPE, VIVACITÀ E INSONNIA (LA TUA)
L’arrivo di un bambino è come uno tsunami, ti impone ritmi e abitudini completamente nuovi: l’ordine lascia il posto all’inaspettato, il giorno prende il posto della notte, le ore di sonno si contano sulle dita di una mano, i pasti a orari improbabili, la casa che si trasfoma in un campo di battaglia, tuo figlio vispo e iperattivo 25 ore su 24… E tu che ti chiedi (a bassa voce, ma non troppo): “Ma quando finirà tutto questo?!?”

Mi raccomando aspetto con ansia i vostri racconti!

2 commenti:

  1. Ciao.
    Ho visitato il blog e mi è piaciuto. Perché non lo registri nel mio aggregatore di blog di mamme e papà, MammaceBlog?

    http://www.mammacheblog.com

    se ti va, ti aspetto, ciao, Jolanda

    RispondiElimina
  2. Grazie!
    Ho un po' abbandonato il blog, ma ora spero di riuscire a dedicargli un po' di tempo...corro a registrarlo!

    RispondiElimina